LA PROBLEMATICA


LA SOLUZIONE


L’IMPATTO AMBIENTALE DEVE ESSERE VICINO ALLO ZERO

Edificare vuol dire infliggere una ferita inevitabile al terreno, quindi è oggi fondamentale intervenire sull’impatto ambientale di tutti gli altri aspetti.
L’edificio deve essere inserito architettonicamente nell’ambiente, deve essere costruito con materiale riciclato e/o riciclabile, deve avere consumi di gestione prossimi allo zero.


IMPATTO AMBIENTALE QUASI ZERO

L’intera edificazione è realizzata a secco, quindi completamente smontabile e riciclabile, gli isolamenti termici e acustici sono composti di materiali riciclati.
Perfetto isolamento dell’involucro esterno, pompa di calore elettrica e un impianto fotovoltaico rendono l’unità abitativa energeticamente autosufficiente.


GLI AMBIENTI DEVONO ESSERE ADATTABILI ALLE ESIGENZE

“Casa” significa “luogo del vivere” e quindi deve essere costruita intorno alle esigenze dell’uomo. Deve fornire le funzioni e i servizi di base in modo semplice e funzionale, d’altra parte i suoi spazi devono adattarsi alle specifiche esigenze di ogni tipo di nucleo familiare.


DA 60mq A 130mq CON UN UNICO MODULO CENTRALE

Il modulo centrale è, in fase di trasporto, simile ad un container ed è pensato per contenere le pareti perimetrali necessarie per realizzare l’intera abitazione. In fase di costruzione si ancora il modulo centrale e la “pelle” esterna può essere posizionata a piacimento sulle personali esigenze abitative.


RIDURRE AL MINIMO LE LAVORAZIONI IN CANTIERE PRIVILEGIANDO LA PRODUZIONE IN STABILIMENTO

L’ambiente del cantiere edile è un luogo di produzione altamente inefficiente e a carattere prettamente artigianale, nel quale è molto difficile rispettare standard minimi di efficienza e qualità. Imprecisioni, errori e l’allungamento dei tempi portano a mal funzionamenti e a sprechi di denaro che paga l’utente finale.


PIU’ DEL 90% DI PREFABBRICAZIONE

Il nuovo edificio è composto da: fondazioni realizzate in opera, un modulo centrale completamente precostruito, pareti leggere prefabbricate per il perimetro esterno dell’edificio e una copertura anch’essa prefabbricata. Il modulo centrale oltre all’impiantistica contiene anche la struttura antisismica su cui è possibile realizzare direttamente il solaio di copertura.
Nel caso in cui si vogliano fare più piani sarà sufficiente aggiungere un altro modulo centrale direttamente sopra il precedente.


E’ NECESSARIO REALIZZARE UN “CUORE” TECNOLOGICO CHE GESTISCA TUTTE LE ENERGIE IN MODO RAZIONALE

Per secoli il fuoco è stato il fulcro dell’abitazione, è stato per lungo tempo l’unica fonte di energia disponibile all’interno della casa.
Ora le energie sono diverse e facilmente trasportabili. Gli edifici, infatti, sono attraversati da tubi per acqua calda, acqua fredda, da cavi per l’energia elettrica e da linee dati.


L’ENERGIA VIENE GESTITA ALL’INTERNO DEL MODULO CENTRALE

Il “cuore” tecnologico della casa gestisce tutte le energie presenti.
Al suo interno c’è: impianto di riscaldamento e raffrescamento (pompa di calore), compresi tutti i terminali, produzione acqua calda sanitaria, rete elettrica e inverter per fotovoltaico, tubazioni di scarico acque nere e bionde, linea dati.
Tutto l’edificio è gestito da un sistema domotico.